Le Iene e il poker online: quello che c’era da capire sul servizio!

Qualche giorno fa la nota trasmissione televisiva Le Iene ha fatto un servizio dedicato al mondo del poker online, smascherando una frode avvenuta su una poker room di cui non si è capito il brand.

Ho letto diversi articoli su blog e forum di nicchia ma nessuno secondo me ha capito il messaggio che voleva essere mandato, dunque ora ve lo spiego io con tutta la mia arroganza 😀 (va che scherzo è)

Tutti in rete si sono soffermati sul flop con la carta mancante, sul fatto che il tizio diceva di guadagnare 50K al mese di revenue share, ma nessuno (e se qualcuno l’ha fatto mi è sfuggito) ha sottolineato una cosa, ovvero il fatto che giocando online e quindi trattandosi di software programmati da persone in carne ed ossa esistono anche dei client con poteri privilegiati, per comodità li chiamerò super-client.

Che cos’è un super-client?

Un super-client è il programma che utilizziamo noi giocatori comuni ma con funzioni aggiuntive, tra cui la possibilità di vedere le carte di tutti i partecipanti al tavolo. Questi super-client vengono forniti nel momento dell’acquisto del software al proprietario della poker room il quale attraverso tale strumento gestisce il tutto.

La scorrettezza che mi è sembrato volesse denunciare il servizio delle iene è dunque quella che per ovvi motivi di lucro un gestore scorretto potrebbe fornire a poche persone fidate tali super-client o peggio ancora metterci dei bot, che giocando a carte scoperte non necessitano neanche di un grosso livello intelligenza.

Conclusione

La cosa che il servizio non ha detto è come difendersi da queste vere e proprie frodi?

Sicuramente un metodo valido al 100% non esise ma il mio consiglio è quello di giocare su grandi siti, in quanto (secondo me) tali scorrettezze difficilmente vengono attuate da grossi brand ma piuttosto da qualche piccola poker room sconosciuta che ha trovato il modo di fare soldi facili visto che gli viene difficile competere sul mercato con i grossi brand.

Tu che ne pensi?

Sei daccordo con me o pensi abbia scritto delle cavolate?

Fammelo sapere nei commenti! 😀

Trovato interessante quest'articolo?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!


Speak Your Mind

*